lunedì 22 dicembre 2008

Il popolo è un bambino



Il portatore nano di benessere e di saggezza ha tenuto sabato il suo discorso di fine anno alla nazione. Ha spaziato sia in ambito nazionale che in ambito estero in cui sembra ormai (a suo avviso) che i potenti della terra brancolino nel buio senza le sue perle di saggezza e la sua opera innovatrice e diplomatica. Fra la tanta demagogia e i tanti spot, propri del personaggio, è risaltato come un pugno nel mio occhio, il passaggio sugli impiegati statali e sulle tante eredità nefaste della sinistra e in particolare dagli ecologisti (sti maledetti). Riguardo agli statali, Egli(orami i sondaggi lo danno al 72% del gradimento, e purtroppo è l'unica cosa vera che ha detto) ha suggerito di non temere la crisi e di non contrarre i consumi. Gli impiegati statali possono stare tranquilli,ha affermato, il loro stipendio è sicuro, duraturo e beneficia anche del forte calo di alcuni beni di primaria importanza come il petrolio.Parallelamente a queste affermazioni ha aggiunto che ha in mente, nel quinquennio, la completa digitalizzazione della pubblica amministrazione.(Quindi gli impiegati statali, come sopra detto, possono consumare tranquilli).Per quanto riguarda le tante eredità nefaste lasciate dalla sinistra (dal 2001 al 2006 ha governato MaoTseTung) e parallelo al discorso sulla rinascita del nucleare in italia, Egli ha affermato che se il paese si trova oggi in una grave crisi energetica, la colpa è della sinistra e degli ecologisti (tutti gli altri il giorno del referendum erano al mare), che vedono in ogni opera umana un danno sicuro per l'ambiente, che votarono contro le centrali nucleari (che non danneggiano affatto l'ambiente come è chiaro a tutti) creando un danno incalcolabile al paese, danno che ancora stiamo pagando (le scorie radioattive sotterrate al posto della monnezza, sarebbero state una chicca ancora più eclatante e di cui andare fieri in tutto il mondo).Infine le finte domande dei giornalisi.Una farsa.Un Buffone col 72% del gradimento.Un popolo di servi.

venerdì 5 dicembre 2008

giovedì 6 novembre 2008

Ingoiando merda ci si sente più felici e più leggeri...


Il portavoce del governo Bonaiuti ha dichiarato che è contento che gli Usa abbiano voltato pagina e che per quanto riguarda il nostro paese questo cambiamento tanto invocato dai cittadini americani è avvenuto con l'elezione di Berlusconi.
Nella trasmissione di Alessandro Sortino dedicata a Taranto città in cancrena, lo stesso giornalista ha intervistato Scajola chiedendogli del motivo per cui a Genova le cookerie dell'Ilva sono state chiuse mentre a Taranto no. Scajola lo ha rassicurato dicendo che un paese industrializzato deve produrre acciaio e che per produrre acciaio è normale che si immettano dei fumi nell'aria.
L'onorevolissimo onorevole Gasparri ha dichiarato che Obama deve dare delle garanzia all'italia altrimenti sarà costretto a prendere le distanze dalla Casa Bianca e che la sua elezione farà felice Al Queida.
Silvio Berlusconi Communications ha dichiarato che le grandi opere saranno riprese e portate a termine e le eventuali proteste di sparute minoranze dissenzienti saranno fermate come già fatto precedentemente per le altre questioni.
Ora io mi chiedo, è possibile continuare ad ingoiare merda in questa maniera fino alla fine?

mercoledì 22 ottobre 2008

Cattivi pensieri


Alcuni miei pensieri o sensazioni per i prossimi mesi e anni.

Berluskaz metterà pesante mano sulla magistratura, grandi denunce di Di Pietro, Grillo, il buon Travaglio, Santoro e di chiunque abbia un pò di olfatto per sentire la puzza di merda, sempre più forte, acre e pervasiva.
Ma il regime è regime e chi governa continuerà tranquillamente nel suo operato. La benzina è ora a 1,2, credo anche grazie agli interventi statali per lenire i forti effetti della recessione italiana, che sarà la peggiore della storia. Il divario tra nord e sud è ormai incolmabile, Bossi vorrà la "GOOD COMPANY" e insieme a lui maggioranza e sua ombra. Le proteste popolari saranno sedate con le "mazzate" e ci saranno moti rivoltosi nel sud italia.
Alla fine del quinquennio il paese sarà ormai spaccato definitivamente in due e l'italia, oltre a non riuscire a controllare la situazione dovrà anche pagare pesanti sanzioni all'unione europea per le continue infrazioni compiute. Gli aiuti dall'europa verranno ridimensionati drasticamente. Il ceto medio sarà significativamente più povero (auto, bellachioma e abito alla moda saranno di seconda mano) e anche il nord italia risentirà pesantemente della recessione, degli insostenibili costi energetici e della fine, oltre che dell'impossibilità, dello sfruttamento del sud.
Falliranno numerose imprese piccole, medie e grandi, molti chiederanno una reale secessione, ma anche il nord vedrà una forte diminuzione del suo tenore di vita, l'odio interregionale crescerà ulteriormente.
Chi ha i soldi ora, avrà ancor più soldi in futuro e li spenderà altrove.

Gianni....ma come si fa a non essere ottimisti!

mercoledì 9 luglio 2008

Si devo dirlo, ma a chi....


Hanno chiesto al nano un commento su Piazza Navona e ha risposto che di spazzatura si occupa a Napoli (anche in queste risposte esce tutta la sua vena piduista, massonica, anticostituzionale).
La sintesi più compiuta del soggetto, dell'essenza della sua maleodorante personalità e delle sue infami gesta è stata fatta (se ce n'era ancora bisogno) dal mirabile Travaglio.
Si continua a parlare di giornali, di giornalisti, di Forbice e dei titoli di questa mattina, ma a che pro? Ci si preoccupa se i giornali e i tg bacchettano chi si permette di offendere gratuitamente il papa (sua Santità!? E chi l'ha deciso che è una Santo? A me Dio non mi ha mai comunicato nulla in tal senso), il presidente più immune della storia della repubblica (ma chi, quello che dovrebbe essere il garante della nostra costituzione?), Mara Carfagna (una donna che credeva di aver finalmente trovato la luce, una volta eletta, che si è subito ritrovata a dover lavorare sotto una scrivania a notte alta). Quali preoccupazioni abbiamo? Quando Grillo dice che sono trent'anni che ci prendono per il culo e il lecchino o il potente di turno censurano e stigmatizzano. Perchè ci incazziamo, chi vogliamo o speriamo di redimere? Quando Schifoso Schifani esprime solidarietà al Papa e a Napolitano, di cosa ci meravigliamo? Esistono fatti e dati oggettivi e chi ha gli occhi per vedere, le orecchie per sentire e la bocca per parlare (oltre a un pò di cervello che non guasta), non può far altro che rimanere a bocca aperta e osservare come è ridotto il nostro paese, le incredibili gesta di chi ci governa, di chi ha il controllo completo dello stato e delle istituzioni, flirtando con le mafie e rubando ai cittadini, osservare come qualsiasi porcata dei due comitati d'affari al potere passi in cavalleria senza grosso clamore, senza alcuna indignazione e forte reazione di massa.
Nel paese della corruzione gli alieni finiscono per essere le persone oneste e la Costituzione l'unica vera legge incostituzionale.

giovedì 19 giugno 2008

Del futuro v'è certezza


Allora quindi, ricapitolando:

Siamo il paese delle urgenze.
Siamo il paese dell'insicurezza. Siamo il paese della crisi nera energetica. Siamo il paese degli evasori e degli evasori legalizzati. Siamo il paese delle mafie. Siamo il paese dei ladri di Stato. Siamo il paese della corruzione, delle connivenze e dei processi interminabili. Siamo il paese delle tante leggi ma delle poche apllicate. Siamo il paese delle commistioni fra poteri e del conflitto d'interesse. Siamo il paese della giustizia differenziata e della monezza sotterrata e nella migliore delle ipotesi incenerita. Siamo il paese dei somari. Siamo il paese del demerito. Siamo il paese dell'odio interegionale. Siamo il paese dell'informazione di regime e dell'esercito per le strade. Siamo il paese dei vecchi. Siamo il paese del cittadino "un pò più uguale degli altri". Siamo il paese del debito pubblico record. Siamo il paese dell' economia coloniale e delinquenziale. Siamo il paese dei politici di professione.

Per contro, però, bisogna ammetterlo:

Siamo il paese quattro volte campione del mondo di calcio.
Siamo il paese del sole. Siamo il paese del mare. Siamo il paese dei bei scorci montani e della buona cucina. Siamo il paese delle suonerie personalizzate e delle insalate. Siamo il paese del gran colpo d'occhio, dei Suv più grossi nelle strade più piccole. Siamo un paese ospitale.

sabato 17 maggio 2008

Mentre il popolo si gratta...



Io credo che ci aspettano cinque anni di dura opposizione, purtroppo fuori dal parlamento. Un posto ormai assai lontano dalla democrazia. Le persone con una moralità forte, con un profondo senso della giustizia, non potranno restare inerti nel vedere come questa banda di coscaroli porterà in italia una dittatura tanto morbida quanto devastante per il nostro paese. La gente che ogni giorno svolge onestamente il proprio lavoro e chi ogni giorno ne cerca uno altrettanto onestamente, non potrà restare con le mani in mano, ma dovrà per forza informarsi, informare, organizzarsi e contrastare duramente questa finta classe politica. Fare politica e governare una nazione non vuol dire solamente fingere di seguire il protocollo di una democrazia, bensì attuare concretamente i principi cardine della stessa, mediando interessi di vario genere, cercando di fare il bene del paese. Come può un comitato d'affari permanente, bipartisan e pieno di pregiudicati e in odore di condanna, fare gli interessi di un paese?

martedì 13 maggio 2008

L'uomo che sussurrava ai mafiosi



Fazio si è scusato dell'intervento di Travaglio nella sua trasmissione ("Che tempo che fa" del 10 Maggio) pagata con i nostri soldi. Gli italiani hanno il diritto di sapere chi sono i loro padroni. Gli italiani hanno il diritto di informare altri milioni d'italiani. Fazio e la Rai, non hanno il diritto di essere schiavi del potere con i nostri soldi, che si facciano pagare da coloro a cui leccano il culo. Al potere ci sono due comitati d'affari, la loro holding si chiama "Veltrusconi". Controllano le istituzioni, i magistrati, il presidente della repubblica, l'informazione, tramite le loro torbide relazioni e le loro aziende. Fanno gli interessi delle loro società tramite accordi con banchieri e imprenditori-politici senza scrupoli. Sono essi stessi politici-imprenditori o meglio politici in quanto imprenditori del malaffare. Gli italiani hanno il diritto di essere informati. I giornalisti hanno il diritto e il dovere di informare. Sempre più cittadini stanno scoprendo l'inganno.
Libera informazione in libero Stato.

giovedì 8 maggio 2008

Corrado Guzzanti : BERLUSCONI MERITA RISPETTO !

"Se un dittatore non si mette il cappellone, non spara per aria, non vedete il passo dell'oca fuori dalla finestra, non vi raziona il pane, non lo prendete sul serio, è sempre un buffone, c'è sempre da ridere"

venerdì 11 aprile 2008

Tutti al mare.....


Ragazzi, domenica tutti al mare sorridenti, che il nano sopra al cuscino, ieri sera da vespa, in tre orette di trasmissione, ha praticamente risolto tutti i problemi più urgenti dell'italia.
Lo stesso veltroni si è detto compiaciuto, perchè nella serata precedente gli erano sfuggiti due o tre punti che non aveva trattato e risolto.
Quindi tutto ok, o l'uno o l'altro, hanno tutto già pronto, tutto programmato e risolvibile o comunque migliorabile, possiamo stare tranquilli.
Non fate caso ai quindici anni precedenti, li ci sono state delle congiunture sfavorevoli, delle incomprensioni, alcuni erano impegnati in vicende giudiziare molto stressanti, cmq conclusesi brillantemente, e poi "questa sinistra estrema!"............ma, ad ogni modo, tutto risolto, stavolta li vedo veramente convinti e armati di buoni propositi, veramente........poi ho notato che sono cambiati molti personaggi, tanti nuovi giovani, soprattutto alle comunali, ma anche alle politiche, tante belle cene offerte, in un grande sodalizio di persone finalmente convinte di fare qualcosa di grande per questo paese.
Io nel mio piccolo volevo ringraziare, su tutti, proprio topogigio e il nano, perchè non è da tutti avere due personaggi politici di così grande spessore, di così grande volontà e competenza, portatori di così tante tesi avanzate come il ponte sullo stretto, la tav, l'impresa in un giorno, il sole, il vento, un pò di nucleare perchè no, una nanoparticelle per tutti, le equazioni: meno tasse+consumi+produttività+lavoro+ricchezza, più sicurezza sul lavoro, meno immigrati (ah questi maledetti immigrati, delinquenti!!).

lunedì 25 febbraio 2008

Grazie Beppe!

Munnezza_day parte I_23/02/2008